Cittadinanza e Costituzione

 
A.S. 2019-2020


“Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo”. 

Il nostro Istituto ha aderito al concorso nazionale: 
“Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo”.

La Convenzione ONU sui diritti del fanciullo compie 30 anni
 
(vedi il BANDO

bandito dal MIUR e da AGIA - Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza.

 
Il progetto è stato realizzato nell’ambito dell’insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, in chiave di approfondimento didattico dalla prof.ssa Giusi Fabozzi nella classe II F della Scuola secondaria di I grado.
Partendo dal concetto di diritto, è stato sviluppato un percorso relativo al rispetto dei diritti come rispetto della libertà stessa dell’individuo. Nella fattispecie, sono stati analizzati quei diritti che sembrano così scontati, eppure sono negati alla platea di minorenni, facendo particolare riferimento alla Convenzione ONU sui diritti del fanciullo nei suoi quattro principi fondamentali.
Il docente ha proposto, pertanto, la stesura di un testo in versi, perché meglio si presta ad armonizzare il pensiero critico-razionale e quello più tipicamente emotivo.

I giovani ricordano la Shoah” ​
Il nostro Istituto Comprensivo anche quest’anno ha aderito al concorso “I giovani ricordano la Shoah” bandito dal MIUR (vedi circolare MIUR) nell'ambito delle iniziative che saranno realizzate su tutto il territorio nazionale per il 27 Gennaio “Giorno della Memoria in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti”.
La traccia proposta nel bando e sviluppata dal prof. Vincenzo Diana nella classe III D della Scuola secondaria di I grado è la seguente:

Negli anni trenta e quaranta del secolo scorso in Germania, in Italia e in altri paesi, anche il mondo dello sport fu coinvolto e sconvolto dal razzismo e dall'antisemitismo.
Documentatevi sulla storia di quegli anni e discutetene con i vostri compagni.
Anche oggi, purtroppo, assistiamo a manifestazioni sportive profanate da atteggiamenti razzisti e antisemiti. Lo studio e la consapevolezza di quanto avvenuto nel passato ci inducono a riflettere sulla pericolosità di tali atteggiamenti. Esprimete le vostre riflessioni nelle modalità a voi più congeniali”.
 
Il percorso didattico ha sviluppato l’argomento del razzismo e dell’antisemitismo nel mondo dello sport, negli anni Trenta e Quaranta, in Germania e in Italia scegliendo di descriverlo in una lettera datata 1938, scritta ai posteri da un ragazzo ebreo di 16 anni, abitante a Roma, e nella quale confluiscono nomi e date di quel periodo storico.

Cerca nel sito

News
  • 11/12/2019
    Circolare n. 90 simulazione prove Invalsi Circolare n. 90 simulazione prove Invalsi a. s. 2019/2020... Leggi tutto...
  • 10/12/2019
    Circolare n. 88 Convocazione Collegio Docenti - 19/12/2019 Circolare n. 88 Convocazione Collegio Docenti - 19/12/2019... Leggi tutto...
  • 10/12/2019
    Circolare n. 89 Convocazione NIV Infanzia Circolare n. 89 Convocazione NIV Infanzia... Leggi tutto...
  • 09/12/2019
    Circolare n. 87 Comunicazione assemblea sindacale 11/12/2019 Circolare n. 87 Comunicazione assemblea sindacale 11/12/2019... Leggi tutto...
  • 05/12/2019
    Circolare N. 85: ERRATA CORRIGE-Assemblea sindacale del giovedì 11 dicembre 2019 -indett... Leggi tutto...